Vai alla prima pagina del viaggio.. Leggi |

matita barra navigazione

dal castello
alla montagna

 

Il percorso

Il percorso è strutturato su un percorso principale, quattro percorsi di rientro e tre sentieri di collegamento, per una lunghezza complessiva di circa 23 km. Il percorso principale è un lungo anello che si snoda per metà sul lato destro della vallata (Folgaria, Carpeneda, San Valentino, Scandelli, Mezzomonte di Sopra, Mezzomonte di Sotto, Pont, Dietrobeseno con arrivo a Castel Beseno) e per la restante parte sul lato opposto (Castel Beseno, Dietrobeseno, Ondertol, Guardia, Carpeneda ed arrivo a Folgaria).
I quattro percorsi di rientro permettono di accorciare l’anello principale; si sviluppano in senso trasversale e tagliano la valle a varie quote (il primo dalla località Acqueta alla frazione Pont; il secondo dal maso di Ondertòl a Mezzomonte di Sotto; il terzo da Guardia a Mezzomonte di Sopra; il quarto dalla località Forreri alla località Scandelli).
I tre sentieri di collegamento si sviluppano nell’alta valle del Rio Cavallo (il primo collega località Rio Mous con frazione Forreri; il secondo, su strada forestale, taglia trasversalmente la foresta della Gon; il terzo collega il percorso principale, da località Spiaz dei Carpaneoti, a località Molini, Sottosoglio e San Valentino).
I vari tragitti offrono l’occasione per assaporare i numerosi siti di interesse
storico, artistico, naturalistico e socioeconomico presenti nella valle del Rio Cavallo (la chiesetta di San Valentino, il capitello delle Sette Vedove a Carpeneda, la polsa dei morti, i capitelli rurali, la teleferica militare della guerra 1915-18, i mulini ad acqua del Rio Cavallo, le calchere, i vari masi, Guardia il paese dei murales, il sentiero geomorfologico di Mezzomonte, le marmitte glaciali di Mezzomonte di Sopra, la foresta della Gòn, la cascata di Hofentòl).

Sosta

Azienda agricola La Fonte

Quando il Castello di Beseno rappresentava uno dei capisaldi del sistema difensivo della valle dell'Adige, questo era il percorso che le ronde utilizzavano per controllare la vallata dal lato che, attraverso Folgaria e il passo Coe, affaccia sul Veneto. Oggi è il nome dato alla via verde che si snoda nella valle del Rio Cavallo, collegando il capoluogo dell'altipiano, Folgaria, a Castel Beseno, utilizzando l’antica viabilità rurale su entrambi i lati della vallata. L’opera, nata su proposta di Elisabetta Monti (in passato già impegnata nella costruzione della "Via della pace" un percorso di trekking che ripercorre il fronte della prima guerra mondiale, oggi titolare dell’azienda agrituristica “La fonte”), accolta dall’Azienda per il Turismo con un convinto sostegno dell’Amministrazione comunale, che ha interessato il Servizio Ripristino della Provincia di Trento. Si sono così sistemati e restaurati il fondo stradale, il piano di calpestio, il consolidamento murario e le vecchie murature a secco; si è proceduto con la regimazione delle delle acque e la messa in sicurezza mediante l’apposizione di recinzioni in legno. Una dedicata segnaletica direzionale e illustrativa guida ora il visitatore lungo i vari percorsi, che costituiscono una rete che offre svariate possibilità di percorrenza. Questa proposta originale miscela la fruizione di un paesaggio rurale alla valorizzazione delle produzioni agricole della zona, dell’agricoltura biologica e di montagna, all'ospitalità; rappresenta un valido esempio di intervento pubblico nella promozione di antichi percorsi coinvolgendo le strutture che potranno dare assistenza ai futuri viandanti, pellegrini o appassionati di trekking e vie verdi.

Approfondimenti Ospiti, siti e link:

Il sentiero del castello

Percorso A Wikiloc

 



Partecipa alla Comunità Vie verdi

 

Vai alla Mappa >>
vedi la mappa su Google Earth
mappa

Multimedia
"Linea verde" RaiUno

Prosegui la lettura